Firenze in diretta
Firenze, Lunedì 20 Settembre 2021 - ore 17:08
 
BIRAGHI: LE CRITICHE NON MI SPAVENTANO
BIRAGHI: LE CRITICHE NON MI SPAVENTANO
La Fiorentina il mio punto di arrivo

Queste le parole di Cristiano Biraghi dalla sala stampa del ‘Benatti’: “Siamo partiti bene, c’è grande entusiasmo per il nuovo allenatore. I tifosi lo hanno chiamato l’anno zero, penso sia il termine esatto. L’allenatore ha portato entusiasmo ed idee nuove che ci fanno divertire: è un buon punto di partenza. I presupposti per fare bene ci sono. Ho avuto un piccolo problemino, ma più che altro mi sono fermato mezza giornata per precauzione“.

 

Sulle critiche spesso ricevute a Firenze: “E’ un discorso che va avanti da anni. Per tanti tifosi e per tanti di voi io sono il cane da bastonare, questo non mi crea problemi: meglio io che un compagno che ne soffre. Ogni anno arriva qualcuno che mi deve rubare il posto. Io so chi sono, accetto anche di essere giudicato da chi non mi conosce. Ci sono stati giocatori molto forti, etichettati da voi e dai tifosi, che hanno sofferto tanto, non dimostrando quello che potevano, come Pjaca e Gerson, per fare due nomi. Io ho raggiunto un equilibrio negli anni: non mi esalto e non mi demoralizzo, fa parte del gioco e del nostro lavoro. Tante volte sono stato giudicato in maniera sbagliata. Anche quando le cose andavano bene sono stato tirato in mezzo. Per me non è un problema: se è il prezzo da pagare per la carriera che ho fatto, che vadano avanti. Quello che conta è la Fiorentina, che non merita la classifica degli ultimi anni. Una società così, che io reputo uno dei primi 5-6 club in Italia, non può salvarsi alle ultime giornate. Firenze non lo merita. L’importante è il collettivo. Io sono sempre stato sincero con la società: per me la Fiorentina è un punto d’arrivo. L’anno scorso e quest’anno qualche offerta ce l’ho avuta, ma sono stato in società e ho detto di declinare tutto perché non mi muovo. E’ l’ora di prendersi responsabilità con qualche altro compagno: dobbiamo far capire a tutti che non possiamo essere quelli degli ultimi anni. Vogliamo ricreare quello che c’era, noi siamo con l’allenatore e ci sono le condizioni per fare bene. L’appello che faccio è che si riparta tutti da zero: leviamo le critiche e andiamo tutti nella stessa direzione, è il momento di fare le cose per bene“.

 

Sulle scelte passate: “Non vivo di rimpianti. Io avevo detto a tutti che non sarei andato da nessuna parte se non all’Inter, che è una squadra che mi ha fatto crescere da ragazzino ed è la mia squadra. Per me era un motivo d’orgoglio andare a giocare lì in prima squadra. Il Milan? Si sapeva, non mi interessa. Credo nella Fiorentina, nei valori che ci sono qui dentro. Questa è una famiglia, viviamo di rispetto e sani principi: io non vado cercando altro“.

 

Sulla Nazionale: “Ci ho sperato fino all’ultimo, poi ho gioito da tifoso. Se non sono andato vuol dire che ci sono altri più forti di me, è semplice“.

 

Sugli ultimi anni: “La verità non c’è, se le cose non sono andate bene ci sono stati errori di tutti. La rosa però è importante: abbiamo tre giocatori che hanno vinto la Copa America, uno che ha vinto gli Europei, tanti altri nazionali. Adesso abbiamo un allenatore che sta imponendo il suo lavoro e c’è la voglia di venire al campo per seguirlo, ormai gioco da tanti anni, si pensa che ci siano i presupposti per fare bene. Non dico che passeremo dal quintultimo posto all’Europa, ma ci sono le basi per un bel progetto”.

 

Sul gruppo: “In Nazionale c’era un percorso di Mancini di tre anni. I giocatori si conoscevano tutti. In un club arriva gente nuova dall’estero, quindi è diverso creare il gruppo. Sta a noi grandi cercare di compattare il gruppo il prima possibile. Quando c’è entusiasmo e sorriso da parte di tutti, è più facile“.

 

Sul sistema di gioco: “Spero mi aiuti a segnare di più. Lo scorso anno potevo fare 5-6 gol, ne ho sbagliati diversi. Da parte mia c’è grande voglia di migliorare“.

 

Sugli assist per Vlahovic: “Voglio arrivare sul fondo e mettere la palla: spero di fargli cento assist. Lui ha una fame e una voglia incredibile, più dell’anno scorso. Oggi è uno dei migliori attaccanti in Serie A. Tanto di cappello. L’importante è che facciamo gol anche noi altri, così magari invece di 40 punti ne facciamo 60. L’anno scorso buttavamo la palla e lui spesso ci ha salvati“.

 

Sulla fascia: “Noi abbiamo un capitano che è German, il nostro leader. Finché c’è lui sarà lui il capitano. Nel caso in cui andasse via, affronteremo il tema. Quest’anno io forse sono qui da più tempo degli altri. Vanno prese delle responsabilità, sono qui da cinque anni. Ho chiaro cosa voglia dire indossare la maglia viola e mi prenderò delle responsabilità in più. Siamo 4-5 giocatori, dobbiamo trascinarsi dietro i compagni. La fascia? Io l’anno scorso ho firmato per quattro anni. Ho l’intenzione di stare qui fino all’ultimo giorno e magari di prolungarlo. Ho una maturità interna, la famiglia sta bene a Firenze. Nel futuro non vedo altro che la Fiorentina. Il tema del capitano non è da affrontare fino a che German sarà con noi“.

FONTE: fiorentina.it


29/07/21

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
GARA PREPARATA IN MODO ANOMALO
 
GARA PREPARATA IN MODO ANOMALO
Torreira ha carisma e qualità

Il tecnico della Fiorentina Vincenzo Italiano ha parlato in conferenza stampa prima della gara di ...

PROSEGUE ´PALESTRE ALL´APERTO´
 
PROSEGUE ´PALESTRE ALL´APERTO´
Fino al 25 settmbre 

Va avanti fino al 25 settembre il progetto ‘Palestre all´aperto’. A sostenere l´inizi ...

RIQUALIFICAZIONE DEL FRANCHI
 
RIQUALIFICAZIONE DEL FRANCHI
Arrivate 31 proposte

Sono 31 le proposte progettuali arrivate per il concorso internazionale di progettazione per la r ...

ITALIA-BULGARIA AL FRANCHI
 
ITALIA-BULGARIA AL FRANCHI
La Coppa degli Europei a Palazzo Vecchio

La Nazionale torna a Firenze. Domani sera lo stadio Franchi ospiterà la partita Italia-Bul ...

ODRIOZOLA SI PRESENTA
 
ODRIOZOLA SI PRESENTA
Barone: ´Soddisfatti del mercato´

Prima della presentazione di Odriozola, prende la parola il direttore generale della Fiorentina J ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date un´occhiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITA´ D´ALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.