Firenze in diretta
Firenze, Lunedì 20 Settembre 2021 - ore 16:03
 
CAOS TRAFFICO NEL CHIANTI
CAOS TRAFFICO NEL CHIANTI
I sindaci contro Autostrade e Anas

“Contesteremo e denunceremo la grave situazione che sta paralizzando le nostre comunità, pendolari, famiglie e operatori economici, senza alternativa alcuna, finché non verremo ascoltati dagli enti competenti, Autostrade per l’Italia e Anas, totalmente indifferenti alle problematiche esplose a catena nei giorni scorsi, determinate da scelte prive di senso”. Attaccano i quattro sindaci del Chianti, esasperati dal caos e dal traffico impazzito che infuocano le strade dei Comuni di San Casciano in Val di Pesa, Greve in Chianti, Impruneta e Barberino Tavarnelle. La posizione dei primi cittadini si inasprisce dopo il sopralluogo che poche ore fa hanno effettuato insieme lungo l’Autopalio e all’uscita dello svincolo autostradale Firenze Impruneta, chiuso dallo scorso 26 giugno.

“Questa mattina (ieri ndr.) abbiamo assistito in diretta persino ad un incidente, per fortuna senza gravi conseguenze per le condizioni di salute degli automobilisti coinvolti, complice il traffico intensissimo nell’area dello svincolo – commentano preoccupati i sindaci Roberto Ciappi, Alessio Calamandrei, Paolo Sottani e David Baroncelli – il problema non solo è reale, visibile sotto gli occhi di tutti, ma sta lievitando ogni giorno generando una sequenza incontrollabile di ripercussioni che aggravano e appesantiscono il transito veicolare, soprattutto in corrispondenza del fine settimana con le uscite fuori porta e il flusso automobilistico diretto verso il mare”. Non usano mezzi termini i sindaci per additare le responsabilità di Autostrade, accusata di aver previsto tempi inappropriati per realizzare gli investimenti, concentrati nel periodo che avrebbe dovuto alimentare maggiori aspettative sul piano turistico, e di non aver condiviso la programmazione con le istituzioni territoriali.

“Siamo favorevolissimi agli interventi strutturali, che si rendono necessari per la messa in sicurezza delle nostre viabilità e per i quali abbiamo condotto più di una battaglia perché i cantieri abbandonati da anni tornassero attivi, – continuano - ma non è questo il modo di operare e di farli ripartire. Non abbiamo ricevuto alcuna comunicazione sulla chiusura dell’A1, se non all’ultimo tuffo, la sera prima, non siamo mai stati coinvolti nella programmazione della riapertura dei cantieri, non conoscevamo nulla delle intenzioni di Autostrade e non abbiamo potuto informare i cittadini, coloro che risiedono e lavorano nei nostri territori e nell’area fiorentina. Nonostante tutto, come istituzioni vicine alle nostre comunità, ci ritroviamo oggi a pagare inermi le conseguenze di una scelta che riteniamo miope e deleteria. E visto che Autostrade ignora e mostra indifferenza rispetto ciò che accade nel nostro territorio noi al contrario preferiamo la linea della trasparenza e dell’informazione diretta. Sappiano i vertici della società che la ‘cella’ stradale che hanno costruito all’alba della stagione turistica sta condannando ad un’ingiusta reclusione il mondo del lavoro e dell’economia chiantigiana, portata avanti con fatica e sacrificio dai pendolari, dagli imprenditori, dagli operatori del comparto turistico-ricettivo che aspettavano la bella stagione per riprendere fiato dopo un’annata di difficoltà e rischi di chiusure. Parliamo di sicurezza, minacciata non solo dalla chiusura dello svincolo autostradale Firenze Impruneta ma dalla pluralità di cantieri, in corso e in partenza, come quello previsto il 5 luglio, che limiteranno per un lungo periodo la fluidità della circolazione stradale sulla Firenze Siena, cui si sommano i rallentamenti continui e il riversamento del traffico sulle strade ordinarie che attraversano i nostri centri urbani”.

“Chiediamo ad Autostrade – incalzano - perché concentrare tutto in un momento così delicato per la ripartenza del Chianti e per quale ragione non siamo stati interpellati? Avremmo potuto dare una mano, avendo piena conoscenza delle esigenze e delle caratteristiche dei nostri territori. Tra l’altro stiamo ancora aspettando le opere di ricaduta della terza corsia autostradale dal 1999”. La priorità adesso è individuare una soluzione alternativa alle forti criticità sorte lungo le principali direttrici che collegano il Chianti a Firenze e Siena. “Ci aspettiamo che Autostrade intervenga nell’immediato – concludono – continueremo a lottare per non restare soffocati dagli effetti devastanti di azioni inaccettabili, non staccheremo lo sguardo dalla drammaticità della situazione, non assisteremo al declino agonizzante di una ripresa che rischia di morire sul nascere”.


05/07/21

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
E´ MORTA GIULIA DANEO LORIMER
 
E´ MORTA GIULIA DANEO LORIMER
Voce e violino dei Whisky Trail

Si è spenta la notte scorsa Giulia Daneo Lorimer, per anni voce e violino dei Whisky Trail ...

LE MANI DELLA CAMORRA A FIRENZE
 
LE MANI DELLA CAMORRA A FIRENZE
Misure cautelari per 13 persone 

Dalle prime luci dell’alba, agenti della Polizia di Stato di Firenze e militari della Guard ...

COVID-19: 423 NUOVI CASI
 
COVID-19: 423 NUOVI CASI
Tre le persone decedute

Sono 423 in più rispetto a ieri i nuovi casi positivi in Toscana (411 confermati con tampo ...

VERTENZA BEKAERT
 
VERTENZA BEKAERT
Due ricorsi contro i licenziamenti

Sono stati depositati ieri presso il Tribunale di Firenze i primi ricorsi contro i licenziamenti ...

495 NUOVI POSITIVI AL CORONAVIRUS
 
495 NUOVI POSITIVI AL CORONAVIRUS
L´età media è 41 anni

In Toscana sono 275.510 i casi di positività al Coronavirus, 495 in più rispetto a ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date un´occhiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITA´ D´ALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.